assomicroimprese

settembre 15th, 2010

Articolo:

SISTRI: FORTI RITARDI PER L’APPLICAZIONE

News, by assomicroimprese.

Il D.M. 17 dicembre 2009 ha istituito un innovativo sistema di controllo della tracciabilità dei rifiuti, denominato SISTRI (SIstema di Tracciabilità dei RIfiuti), gestito dal Comando Carabinieri per la Tutela dell’Ambiente, che rivoluzionerà le attuali modalità di gestione dei rifiuti prevedendo la registrazione telematica, anziché cartacea, delle varie operazioni.
Il 23 settembre, a pochi giorni dalla scadenza del 1° ottobre, termine posto dal D.M. 9 luglio 2010 (modifiche ed integrazioni al decreto 17 dicembre 2009), si è riunito, presso la sede del Ministero dell'Ambiente, il Comitato di Vigilanza e Controllo sul SISTRI, composto da esperti del settore rifiuti, nominati direttamente dal Ministero e dalle organizzazioni imprenditoriali.
In questa occasione, sono stati evidenziati i forti ritardi nell’attuazione del sistema e le problematiche riscontrate dai soggetti coinvolti, quasi 300 mila.
È stato sottolineato che, attualmente, solo il 50% delle imprese dispone dei dispositivi elettronici necessari e che anche il settore dei trasporti è in notevole difficoltà per quanto riguarda l’istallazione delle black box (scatole nere). Inoltre risultano numerosi i casi di non corretta iscrizione o di mancato pagamento.

Si è richiesta, pertanto, una proroga del periodo di regime "a doppio binario" durante il quale il SISTRI verrebbe impiegato unitamente al vecchio sistema cartaceo, tempo necessario per dotarsi delle chiavette Usb e delle black box e poter passare alla fase successiva della obbligatorietà dell’utilizzo del SISTRI per “tracciare” la gestione dei rifiuti.
Oggi, giovedì 30 settembre 2010, si attende la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, del rinvio della scadenza del SISTRI a gennaio 2011, dato il nulla osta della Corte dei Conti.

There’s a certain mobile spy lack of flow here that’s unnerving

Back Top